ReumatologiaNews.net


News

La Glucosamina non efficace nella osteoartrosi lombare degenerativa

La Glucosamina non è risultata più efficace del placebo nel ridurre la disabilità correlata al dolore o nel migliorare la qualità di vita associata alla salute nei pazienti con dolore lombare cronico e osteoartrosi lombare degenerativa.
Pertanto l’uso della Glucosamina come supplemento dietetico nei pazienti con dolore lombare non è raccomandato.

La Glucosamina è un costituente di tendini, legamenti e cartilagine. E’ stato ipotizzato un suo ruolo nel ripristino della cartilagine, oltre all’attività antiinfiammatoria.

La Glucosamina trova ampio impiego come terapia dell’osteoartrosi, nonostante le evidenze siano controverse. Inoltre, viene utilizzata anche per il dolore lombare non-specifico.

Uno studio randomizzato, in doppio cieco e controllato con placebo, condotto presso l’ Oslo University Hospital, ha coinvolto 250 pazienti di età superiore ai 25 anni che presentavano un dolore cronico nella zona lombare da più di 6 mesi e un punteggio di almeno 3 su 24 alla scala RMDQ ( Roland Morris Disability Questionnaire ).

I pazienti sono stati trattati con 1500 mg/die di Glucosamina solfato ( n=125 ) oppure placebo ( n=125 ), per 6 mesi.

Dopo 6 mesi di trattamento, ai pazienti è stato somministrato un questionario.

L'outcome primario era la riduzione di 3 punti del punteggio alla scala RMDQ, mentre gli endpoint secondari erano invece rappresentati dal dolore lombare e dal dolore alle gambe durante attività e a riposo, misurati mediante una scala numerica di 11 punti in cui 0 indicava l'assenza di dolore e 10 il dolore massimo, e dalla qualità di vita, valutata mediante l'indice EuroQol-5 Dimensions ( EQ-5D ).

Il punteggio RMDQ al basale era di 9.2 nel gruppo Glucosamina e 9.7 in quello placebo. A 6 mesi il punteggio era di 5 per il gruppo Glucosamina e 5 per il gruppo placebo.
A un anno di follow-up, i punteggi RMDQ sono risultati rispettivamente 4.8 e 5.5.

Secondo gli Autori, la Glucosamina eserciterebbe la propria azione in alcune articolazioni come quelle del ginocchio, ma non a livello lombare. ( Xagena News )

Fonte: JAMA, 2010