ReumatologiaNews.net


News

Artrite reumatoide: bassa immunogenicitÓ di Tocilizumab, un inibitore dell'interleuchina-6

Le formulazioni sottocutanee ed endovenose di Tocilizumab ( Actemra, RoActemra ) sono disponibili per il trattamento di pazienti con artrite reumatoide, sulla base dell'efficacia e della sicurezza osservate negli studi clinici.

Lo sviluppo di anticorpi anti-Tocilizumab e il suo impatto sulla sicurezza e l'efficacia sono stati valutati in pazienti adulti con artrite reumatoide trattati con Tocilizumab per via endovenosa ( Tocilizumab-IV ) o Tociluzumab per via sottocutanea ( Tocilizumab-SC ) in monoterapia o in combinazione con farmaci antireumatici modificanti la malattia convenzionali sintetici ( csDMARD ).

Iádati di 5 studi clinici di fase III con Tocilizumab-SC e 8 con Tocilizumab-IV e di 1 studio clinico di sicurezza farmacologica di Tocilizumab-IV ( pi¨ di 50.000 campioni ) sono stati raggruppati per valutare il profilo di immunogenicitÓ di Tocilizumab-SC e Tocilizumab-IV ( 8.974 pazienti totali ).

L'analisi ha compreso la misurazione degli anticorpi anti-farmaco ( ADA ) dopo il trattamento con Tocilizumab-SC o Tocilizumab-IV come monoterapia o in combinazione con DMARD convenzionali sintetici, dopo interruzioni di dosaggio o in campioni di wash-out da Tocilizumab e la correlazione di anticorpi anti-farmaco con risposta clinica, eventi avversi o farmacocinetica.

La percentuale di pazienti che hanno sviluppato anticorpi anti-farmaco dopo trattamento con Tocilizumab-SC o Tocilizumab-IV Ŕ stata, rispettivamente, dell'1.5% e dell'1.2%.

Lo sviluppo di anticorpi anti-farmaco era anche paragonabile tra i pazienti che hanno ricevuto la monoterapia con Tocilizumab e quelli che hanno ricevuto in maniera concomitante DMARD convenzionali sintetici ( 0.7-2.0% ).

Lo sviluppo di anticorpi anti-farmaco non Ŕ stato correlato con la farmacocinetica o con gli eventi di sicurezza, tra cui anafilassi, ipersensibilitÓ o reazioni al sito di iniezione, e nessun paziente che ha sviluppato anticorpi anti-farmaco ha presentato perdita di efficacia.

In conclusione, il rischio di immunogenicitÓ del trattamento con Tocilizumab-SC e Tocilizumab-IV Ŕ stato basso, sia in monoterapia che in combinazione con DMARD sintetici convenizonali.

Gli anticorpi anti-Tocilizumab che si sono sviluppati in una piccola percentuale di pazienti non hanno avuto alcun impatto evidente sulla farmacocinetica, sull'efficacia o sulla sicurezza. ( Xagena News )

Burmester GR et al, Ann Rheum Dis 2017; 76: 1078-1085